Shiitake (Lentinus edodes)

La presente sezione è stata realizzata con il solo fine di divulgare studi scientifici di rilevanza internazionale compiuti su piante e funghi. Il materiale non va inteso a scopo commerciale e non è da intendersi direttamente connesso con i prodotti della ditta Golden Wave.
Essendo uno strumento di approfondimento scientifico e di consultazione bibliografica, il presente materiale è soggetto a continuo aggiornamento. Per quanto possibile, cercheremo di rendere accessibili gli sforzi compiuti dalla comunità scientifica nel mondo dello studio delle piante e dei funghi alleati dell'uomo.
Gli studi presentati non intendono prevenire, curare o guarire malattie umane e non sostituiscono né diagnosi né terapie che sono atti di pertinenza del medico (in conformità al D.Lgs. 109 del 27.1.1992 e s.m.i.)

Uso storico/tradizionale:

Originario dell’estremo oriente, il suo nome giapponese, Shiitake vuol dire “fungo che cresce sulla quercia". In Cina e Giappone è utilizzato da centinaia di anni come tradizionale cura per il raffreddore, influenza, bronchite, morbillo e nei bambini e adulti durante il periodo invernale. E’ uno funghi più studiati con effetto immunomodulante.

In Oriente è usato insieme al fungo Cordyceps per problemi di impotenza maschile.

 

Studi scientifici e meccanismi

Effetto immunomodulante

Una numerosa bibliografia evidenzia le potenzialità di immuno-modulanti del fungo Lentinus edodes e dei suoi estratti. Evidenze sperimentali suggeriscono che i polisaccaridi presenti stimolino il sistema immunitario dell’ospite attivando vari meccanismi nelle cellule immunitarie inclusi macrofagi tra cui la secrezione di mediatori infiammatori e citochine ad aumentano l’assorbimento fagocitario.

E’ quindi confermato l’uso tradizionale che da secoli se ne fa in oriente. La molecola Lentinano, estratta da questo fungo è uno dei ritrovati più studiati per la lotta ai tumori (21A).

Effetto ipocolesterolemizzante

Uno studio in vivo su animali con ipercolesterolemia ha evidenziato la riduzione nel plasma e tessuto epatico di: colesterolo totale, trigliceridi, LDL, lipidi totali e fosfolipidi. Nello stesso studio si è notato anche la riduzione del peso corporeo. (21B).

Parte del potere ipo-colesterolemizzante si attribuisce alla molecola di eritadenina (2(R),3(R)-diidrossi-4-(9-adenil)-butirrato. (22)

Uno studio clinico ne ha messo in evidenza le proprietà anti-aterosclerotiche sull’uomo.(23)

In vitro, anche grazie a ricercatori italiani, sono state evidenziate le potenzialità contro i batteri causa di gengivite. (24)

 

Molecole Bioattive:

polisaccaridi (tra cui Lentinano), amminoacidi essenziali, eritadenina.

 

Bibliografia:

21A Matsuoka H. Lentinano potentiates immunity and prolongs the survival time of some patients. Anticancer Res 17-2003

Brochers AT et al. Mushrooms, Tumors and Immunity, PSEBM 1991

Hirasawa M et al. Three kinds of antibacterial substances from Lentinus edodes, International Journal of Antimicrobial Agents, 11:1999

Hamano K. et al. The preoperative administration of lentinano ameliorated the impartent of natural killer activity after cardiopulmonary bypass. Int. J. Immunopharmacology 21:1999

21B Ki Nam Yoon et al., Antihyperlipidemic Effect of Dietary  Lentinus edodes on Plasma, Feces and Hepatic Tissues in Hypercholesterolemic Rats, Mycobiology 39(2) : 96-102 (2011)

22. J Agric Food Chem. 2007 Feb 21;55(4):1177-80. Epub 2007 Jan 27. Quantification of the bioactive compound eritadenine in selected strains of shiitake mushroom (Lentinus edodes) Enman J, Rova U, Berglund KA.

23. Li Khva Ren, Vasil'ev AV, Orekhov AN, Tertov VV, Tutel'ian VA. Anti-atherosclerotic properties of higher mushrooms (a clinico-experimental investigation) Vopr Pitan. 1989 Jan-Feb;(1):16-9.

24. Lena Ciric et al., In Vitro Assessment of Shiitake Mushroom (Lentinula edodes) Extract for Its Antigingivitis Activity, Journal of Biomedicine and Biotechnology, Volume 2011, Article ID 507908, 7 pages

Su