Trametes versicolor (coriolus)

La presente sezione è stata realizzata con il solo fine di divulgare studi scientifici di rilevanza internazionale compiuti su piante e funghi. Il materiale non va inteso a scopo commerciale e non è da intendersi direttamente connesso con i prodotti della ditta Golden Wave.
Essendo uno strumento di approfondimento scientifico e di consultazione bibliografica, il presente materiale è soggetto a continuo aggiornamento. Per quanto possibile, cercheremo di rendere accessibili gli sforzi compiuti dalla comunità scientifica nel mondo dello studio delle piante e dei funghi alleati dell'uomo.
Gi studi presentati non intendono prevenire, curare o guarire malattie umane e non sostituiscono né diagnosi né terapie che sono atti di pertinenza del medico (in conformità al D.Lgs. 109 del 27.1.1992 e s.m.i.)

 

Noto con il nome giapponese di Kawaratake, o quello cinese Yun Zhi, Coriolus versicolor(sinonimo di Trametes versicolor) è un fungo della classe Basidiomiceti. che cresce in tutto il mondo su ceppi in decomposizione. Il cappello variegato ricorda la “coda di tacchino”, altro nome comune di questo fungo ( in inglese "turkey tail").

Uso storico/tradizionale:

È utilizzato nella Medicina Tradizionale Cinese come tonico e studi recenti suggeriscono che abbia effetti immunostimolanti e anti-tumorali.*

 

Studi scientifici e meccanismi:

Il polisaccaride-Krestin (PSK), è un farmaco utilizzato in Giappone per il trattamento del cancro. Quando è usato come coadiuvante, il PSK sembra migliorare il tasso di sopravvivenza dei pazienti con tumori gastrico (1,2) e colorettale (3,4,5).

Altri estratti di Coriolus, come il polisaccaride-Peptide (PSP), sono invece disponibili come integratori alimentari; uno studio clinico ha dimostrato che, usato in combinazione con la chemioterapia, il PSP può giovare a pazienti con tumore avanzato al polmone (6). Altri studi clinici, utilizzando estratto di Trametes da solo o in combinazione con altri prodotti vegetali, suggeriscono anche effetti immunomodulatori positivi. Pazienti con tumore polmonare non a piccole cellule hanno aumentato la conta dei leucociti e dei neutrofili, oltre a un aumento nel siero di IgG e IgM dopo il consumo di PSP (6). In volontari sani e pazienti con cancro al seno che hanno utilizzato una formula contenente Coriolus e Salvia miltiorrhiza sono stati trovati elevati conteggi di linfociti T-helper (CD4 +), elevato rapporto (CD4 + / CD8+) e unelevata conta assoluta dei linfociti B (7,8).

 

Wong CK, et al. Effetti immunomodulatori di capsule con Yun Zhi (Coriolus versocolor) e Danshen in soggetti sani; uno studio crossover in doppio cieco, randomizzato controllato con placebo.

Studio pubblicato su: Immunopharmacology Int. 2004; 4:201-211.

A un centinaio di soggetti sani è stata somministrata per 4 mesi una combinazione di Yun Zhi (Coriolus versicolor, 50 mg/kg di peso corporeo) e Danshen o Salvia cinese (Salvia miltiorrhiza, 20 mg/kg di peso corporeo) in capsule oppure placebo. Dopo un periodo di washout di 2 mesi, i soggetti che hanno ricevuto capsule CV e Salvia cinese sono stati trattati con placebo, mentre quelli trattati con placebo hanno ricevuto capsule di CV e Salvia cinese per altri quattro mesi. I ricercatori hanno utilizzato la citometria a flusso e sistemi di espressione di cDNA per valutare le funzioni immunitarie e l’espressione genica. I risultati hanno indicato che il consumo orale di capsule Coriolus-Salvia ha aumentato significativamente l’espressione genica del recettore dell’interleuchina (IL-2) nelle cellule mononucleare del sangue periferico (PBMC), ha aumentato la percentuale e il conteggio assoluto delle cellule T helper e il rapporto tra le cellule T-helper / T-soppressori, come anche la produzione di interferone-gamma da PBMC.

Poiché le cellule T helper partecipano sia all’immunità umorale che a quella cellule-mediata, la combinazione Coriolus-Salvia può essere usata per migliorare la funzione immunitaria. Ulteriori studi sono in corso su pazienti affetti da tumore per determinare il potenziale di questi agenti immunomodulanti.

 

Bibliografia

1) Nakazato H, et al. Efficacy of immunochemotherapy as adjuvant treatment after curative resection of gastric cancer. Study Group of Immunochemotherapy with PSK for Gastric Cancer. Lancet 1994; 343(8906): 1122-6.

2) Niimoto M, et al. Postoperative adjuvant immunochemotherapy with mitomycin C, futraful and PSK for gastric cancer. An analysis of data on 579 patients followed for five years. Jpn J Surg 1988; 18(6): 681-6.

3) Ohwada S, et al. Adjuvant immunochemotherapy with oral Tegafur/Uracil plus PSK in patients with stage II or III colorectal cancer: a randomised controlled study. Br J Cancer 2004; 90(5): 1003-10.

4) Mitomi T, et al. Randomized, controlled study on adjuvant immunochemotherapy with PSK in curatively resected colorectal cancer. The Cooperative Study Group of Surgical Adjuvant Immunochemotherapy for Cancer of Colon and Rectum (Kanagawa). Dis Colon Rectum 1992; 35(2): 123-30.

5) Torisu M, et al. Significant prolongation of disease-free period gained by oral polysaccharide K (PSK) administration after curative surgical operation of colorectal cancer. Cancer Immunol Immunother 1990; 31(5): 261-8.

6) Tsang KW, et al. Coriolus versicolor polysaccharide peptide slows progression of advanced non-small cell lung cancer. Respir Med 2003; 97(6): 618-24.

7) Wong CK, et al. Immunomodulatory effects of yun zhi and danshen capsules in health subjects—a randomized, double-blind, placebocontrolled,crossover study. Int Immunopharmacol 2004; 4(2): 201-11.

8) Wong CK, et al. Immunomodulatory activities of Yunzhi and Danshen in post-treatment breast cancer patients. Am J Chin Med 2005; 33(3): 381-95.

 

Su