Zafferano

La presente sezione è stata realizzata con il solo fine di divulgare studi scientifici di rilevanza internazionale compiuti su piante e funghi. Il materiale non va inteso a scopo commerciale e non è da intendersi direttamente connesso con i prodotti della ditta Golden Wave. Essendo uno strumento di approfondimento scientifico e di consultazione bibliografica, il presente materiale è soggetto a continuo aggiornamento. Per quanto possibile, cercheremo di rendere accessibili gli sforzi compiuti dalla comunità scientifica nel mondo dello studio delle piante e dei funghi alleati dell'uomo. Gi studi presentati non intendono prevenire, curare o guarire malattie umane e non sostituiscono né diagnosi né terapie che sono atti di pertinenza del medico (in conformità al D.Lgs. 109 del 27.1.1992 e s.m.i.)

Lo zafferano, la spezia più preziosa e ricercata

Numerosi studi hanno reso noto che questa preziosa spezia è dotata di molteplici proprietà in particolare quelle emmenagoghe e modulanti del tono dell’umore (in quanto stimola il sistema nervoso centrale).

Inoltre lo Zafferano è dotato di una significativa attività estrogenica e stimolante il metabolismo, oltre ad essere un valido aiuto nelle terapie dimagranti in quanto è stata dimostrata la sua efficacia nel dimagrimento e nel controllo del peso corporeo, nel diminuire la fame nervosa e la necessità di ricorrere a spuntini fuori pasto.

Il valore economico degli stimmi rossi di questa spezia deriva dal fatto che per un solo kg occorrono ben 150.000 fiori e due mesi di lavoro.

 

Componenti

Può considerarsi una miniera ricchissima di sostanze attive. E’ uno degli alimenti più ricchi di carotenoidi (circa l’8% contro lo 0,008% della carota) e vitamina B1 e B2, oltre che da circa 150 sostanze aromatiche volatili che gli conferiscono il caratteristico sapore e odore.

“EATING EMOZIONALE” e l’aumento di peso

Il Safranale ha la proprietà di stimolare il metabolismo e, tra le altre proprietà, svolge un’azione benefica sul sistema nervoso, migliorando l’umore e aiutando a ritrovare il benessere e l’equilibrio. Riguardo a quest’ultimo aspetto in particolare il Safranale ha la proprietà di ridurre la cosiddetta “fame nervosa” [1] o “eating emozionale”, che porta a mescolare e placare le emozioni con l’assunzione di cibo, usandolo per affrontare le situazioni di stress che viviamo ogni giorno.

Questo è un comportamento inconscio e incontrollabile molto più frequente nelle donne ed è una delle prime cause di sovrappeso e un importante fattore predisponente all’obesità.

Secondo uno studio recente, il Safranale è utile a controllare questo comportamento e ad aumentare il senso di sazietà per la sua azione sul metabolismo, divenendo così un importante alleato per la perdita del peso, soprattutto nelle situazioni di stress emozionale[2].

Primo studio pilota clinico vs placebo, su 16 donne per controllo dell’efficacia e della tollerabilità di Satiereal®:

Risultati dopo 28 giorni di supplementazione:

100% delle donne esprimono la diminuzione della loro assunzione di cibo associata ad una sensazione di sazietà, ad una diminuzione della sensibilità di fame all’inizio di pasti e una diminuzione della durata pasti.

Diminuzione del peso corporeo e della massa grassa per i soggetti integrati rispetto al gruppo placebo.

Diminuzione del desiderio e del piacere associato alla quantitativo di cibo assunto per i soggetti integrati rispetto al gruppo placebo.

 

Un secondo studio clinico, pubblicato su Nutrition Research 30 305-313, randomizzato in doppio cieco contro placebo ha mostrato l’efficacia di Satiereal® sulla gestione del peso di 60 donne di età compresa dai 25 ai 45 anni (BMI tra 25 e 28 kg/m²) alla dose di 176,5mg / giorno.

Risultati dopo 8 settimane di supplementazione:

Significativa riduzione del peso corporeo per il gruppo integrato (- 0,96 ± 0,26 kg) rispetto al placebo (-0.01 ± 1,46 kg).

Numero di spuntini diminuito del 55% per il gruppo integrato (p <0,05) rispetto al 28% nel gruppo placebo (p <0,05), rispetto al loro rispettivo basale.

68,8% delle donne nel gruppo Satiereal® hanno visto una diminuzione della loro sensazione di fame al termine dello studio, rispetto al 54% nel gruppo di controllo.

Il 70% dei soggetti del gruppo integrato sentono che Satiereal® ha diminuito il loro bisogno di spuntini tra i pasti.

 

Meccanismo

Sia negli studi clinici che in quelli sperimentali, alcuni autori ritengono che l’effetto antidepressivo sia dovuto a un’azione inibitoria sul reuptake di dopamina e noradrenalina da parte della crocina e sul reuptake della serotonina da parte del Safranale.

Referenze bibliografiche

[1] “SATIERAL a Crocus Sativus EXTRACT, REDUCES SNACKING AND INCREASES SATIETY IN A RANDOMIZED PLACEBO-‐CONTROLLED STUDY OF MILDLY OVERWEIGHT, HEALTY WOMEN” Bernard Gouta, , Cédric Bourgesb and Séverine Paineau-Dubreuilb

[2] USE OF SAFFRON AND/OR SAFRANAL AND/OR CROCIN AND/OR PICROCROCIN AND/OR DERIVATIVES THEREOF AS A SATEITY AGENT FOR TREATMENT OF OBESITY” (PATENT) “Bourges, Cedric (Plerin, FR)”-‐febbraio 2010

Su